TUMORE AL SENO: LA BATTAGLIA COMINCIA CON LA PREVENZIONE A TAVOLA

Il mese di Ottobre si tinge di rosa ed è tutto dedicato alla prevenzione delle donne.Ogni anno sono circa 50mila le nuove diagnosi di tumore al seno. Per favorire la prevenzione, informare e sensibilizzare la popolazione femminile sono state messe in campo numerose iniziative ad hoc nella consapevolezza che la prima forma di prevenzione è la conoscenza. Anche noi del Centro Medico Cairoli abbiamo voluto manifestare la nostra partecipazione e, a tal fine, chiesto un contributo alla nostra Dott.ssa Chiara Panfili, Dietista  a contratto  presso il reparto di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia di Perugia ed in libera professione presso la nostra Struttura. La Dott.ssa Chiara Panfili da alcuni anni si occupa di supporto nutrizionale per i pazienti oncologici in fase di trattamento attivo (chemio-radio-immunoterapia) e di trattare il sovrappeso e l’obesità nelle donne operate di tumore al seno,utero ed ovaio. 

CHIARA PANFILI

 

Ottobre è il mese della  del tumore al seno. Un tumore maligno su tre, nelle donne, è un tumore mammario: come conferma il rapporto Aiom-Airtum 2017 sui numeri del cancro in Italia, non considerando i carcinomi cutanei, “il carcinoma mammario è la neoplasia più diagnosticata nelle donne” e “i tumori della mammella rappresentano il tumore più frequentemente diagnosticato tra le donne sia nella fascia d’eta 0-49 anni (41%), sia nella classe d’età 50-69 anni (35%), sia in quella più anziana +70 anni (22%)”.

LA DIETA VEGETARIANA: LA PAROLA AL NUTRIZIONISTA

Spesso promosso per etica ma anche per questo dai più demonizzato, oggi il "veganesimo"  risulta essere uno stile di vita seguito da molte persone e particolarmente diffuso. A parlarne per un approfondimento la nostra nutrizionista, Dott.ssa  Maria Maddalena Palumbo. 

 

palumbo

 

La dieta vegetariana, per definizione, esclude il consumo di tutti i tipi di carne ( bovini, suini, ovini, pollame, selvaggina, pesci e mammiferi acquatici, crostacei, molluschi, ecc.); sono esclusi anche tutti i prodotti di trasformazione industriale della carni (sushi, insaccati, paté).

 Nell'ambito dell'alimentazione vegetariana, è possibile fare riferimento a due modelli principali, che risultano essere i più diffusi e studiati in letteratura.

 Modello latto-ovo-vegetariano (LOV):

esclude tutti i tipi di carne; include latte e derivati (formaggi e latticini), uova, miele e un'ampia varietà di tutti i gruppi di alimenti vegetali. I questo modello sono comprese anche le varianti latto-vegetariana e ovo-vegetariana.

 Modello Vegano (VEG):

esclude tutti i tipi di carne, latte e derivati (formaggi e latticini), miele e uova; è consumata un'ampia varietà di alimenti vegetali.

MAL DI SCHIENA: LE MIGLIORI TECNICHE DI TERAPIA E RIABILITAZIONE. LA PAROLA AL NOSTRO FISIOTERAPISTA, DOTT. MASSIMILIANO MINELLI

immagine per articolo mal di schiena

 Conosciuto più comunemente come mal di schiena di cui ne soffre una gran parte della popolazione, ciò che in gergo tecnico viene chiamato “lombalgia” è un disturbo gravoso che coinvolge la colonna vertebrale ed i muscoli della schiena.

Le cause del dolore sono molteplici: se una percentuale del 20% è provocato da un problema specifico della colonna, il restante 80% è generato da cause non specifiche come posture o movimenti scorretti.

“Si tratta di un disturbo multifattoriale associato ad una significativa spesa finanziaria e perdita di lavoro e partecipazione in attività” così spiega il Dott. Massimiliano Minelli, fisioterapista presso il Centro Medico Cairoli.  “L'esercizio fisico e la terapia manuale sono gli interventi conservativi più comunemente utilizzati nella gestione della lombalgia”.

Ce ne parla riportando una revisione sistematica

IL DOTTOR VASCO ROSSI E I SUOI SALUTI SPECIALI

Un saluto speciale inaugura i lavori del Congresso Clinico di Radiologia Internazionale dedicato alle immagini diagnostiche di Risonanza Magnetica eseguite in dinamica (ovvero in piedi), come svolte presso il Centro Medico Cairoli da tempo dotatosi di questa metodica per la migliore diagnosi delle patologie muscolo-scheletriche. 

Ad aprire i lavori, il Prof. Giuseppe Monetti, tra i massimi esperti del settore e caro amico della nostra Struttura. 

PARLIAMO DI DEPRESSIONE...NELL'ANZIANO

Il nostro è un pianeta nella morsa della depressione: il numero di persone depresse è salito del 18% nell’ultimo decennio, arrivando a 322 milioni di soggetti, cifra approssimativa se si pensa al fatto che la patologia è sotto diagnosticata, specialmente in età geriatrica (età ≥ 65 anni). Secondo le previsioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nell’anno 2020 la depressione sarà la seconda causa di malattia dopo le malattie cardiovascolari in tutto il mondo. Tale aumento è correlato non solo all’aumento della popolazione mondiale, ma anche a quello dell’aspettativa di vita: il rischio di depressione infatti aumenta nelle fasi più avanzate della vita. La depressione è il disturbo psichiatrico più comune in età geriatrica, incide pesantemente sulla qualità di vita ed è tra le principali patologie causa di disabilità.


CONTATTI

Indirizzo e telefono: Via Cairoli, 12 06024 Gubbio (PG) - telefono 075 927 2997 - telefono/fax 075 927 6688
E-mail: info@centromedicocairoli.com
ORARIO CENTRO MEDICO: Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7,30 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 20,00,
Il Sabato dalle ore 7,30 alle ore 13,00.
ORARIO DEI PRELIEVI: Tutti i giorni dalle ore 7,30 alle ore 9,30. su richiesta anche a domicilio.